Le perle finte di Kate Middleton

|by | Gioielli di Kate Middleton

Le perle di Kate Middleton non sono sempre vere nonostante sia un membro della famiglia reale inglese.

Quando la duchessa di Cambridge ha indossato un paio di orecchini di perle finte in occasione del Diamond Jubilee tenutosi alla Cattedrale di St Paul nel 2012, non avrebbe potuto prevedere la catena di eventi che avrebbe scatenato per delle perle finte! Tutte si sono sentite autorizzate a comprare delle perle finte che costassero poco, solo che volevano le stesse perle di Kate Middleton. Da allora sono nate molte aziende che copiano i gioielli di Kate Middleton, persino il suo anello di fidanzamento blu.

Le perle finte di Kate Middleton

Le perle finte da 48£ impreziosite da zirconi sono sembrate subito molto familiari a Belinda Hadden, che era a casa sua a guardare Kate Middleton in tv. Infatti si trattava di orecchini di perle finte della collezione di gioielli venduta sul suo sito heavenlynecklaces.com. Belinda vende bigiotteria fatta bene, le sue perle finte sembrano quasi reali. perle finteIl fatto che la principessa Kate indossasse quegli orecchini di perle finte ha fatto aumentare le vendite del sito di bigiotteria.

Kate Middleton che ha accesso ai gioielli della famiglia reale inglese sceglie di apparire in pubblico con perle che costano poco. Perché mai? Beh se seguite questo blog su Kate Middleton, avrete imparato che la duchessa di Cambridge non bada molto al marchio. Indossa spesso abiti di Zara e H&M, alternandoli ad abiti di Dolce e Gabbana. Semplicemente adora indossare ciò che è bello indipendentemente dal costo. Le perle finte sono una prova di questo suo atteggiamento, e non può che far piacere a noi che vogliamo copiare lo stile di Kate Middleton.Hevenly Necklaces

Pagina Facebook di Heavenly Necklaces

La vita di Belinda da quel giorno si è letteralmente trasformata perché tantissime celebrità hanno cominciato ad acquistare i suoi gioielli falsi e molte clienti volevano proprio le perle finte della principessa Kate. Grandi attrici che sul red carpet volevano indossare gioielli che sembrassero costare milioni di dollari ma non disposte ad assicurarli in caso di furto, hanno cominciato a diventare clienti fisse di Belinda.

Una cliente è andata da Belinda dopo aver perso un vero orecchino di diamanti su una spiaggia in Kenya. Non aveva il coraggio di dirlo al marito che glieli aveva regalati e ha contattato Belinda, chiedendole di darle qualcosa di molto simile. Oggi il marito di questa donna non sa di aver buttato un po’ di soldi in Kenya e sua moglie ha dei bellissimi orecchini falsi realizzati da Belinda.

La lista dei clienti celebri di Belinda dovrebbe rimanere segreta anche se noi fashion blogger riusciamo a scovare qualunque segreto pur di copiare lo stile delle dive e apparire belle come loro. Soprattutto siti come Principessakate.com dove informiamo tutte le italiane su cosa indossa Kate Middleton e come copiare il suo stile. Le perle finte di Kate Middleton non potevano sfuggirci! Belinda Hadden è stata costretta ad assumere nuovo personale per gestire gli ordini in continua crescita sul suo sito e ha dovuto anche farlo rifare perché doveva riuscire ad accogliere milioni di visitatori.

Nell 48 ore successive all’apparizione di Kate Middleton con le perle finte, ben 400 ordini sono arrivati sul sito, gli ordini che l’azienda faceva normalmente in un anno! Belinda che non se lo aspettava, ha dovuto creare una lista di attesa per far fronte a tutte queste richieste inaspettate. Clienti dagli Stati Uniti al Giappone erano un po’ delusi di dover aspettare ben due mesi per avere gli orecchini di Kate Middleton. Alcuni si sono consolati acquistando gioielli di bigiotteria che non erano gli orecchini di Kate, ma molto simili. Per Belinda che ha iniziato la sua attività negli anni 90 è stata una grande sorpresa!
Non tutto però è andato liscio. Infatti la banca di Belinda, notando questa impennata improvvisa di guadagni le ha congelato il conto per “attività sospette”. Alla fine il problema è stato risolto per fortuna, ma la decisione di Kate Middleton di insossare gli orecchini di perle false di Belinda, ha cambiato radicalmente la sua azienda. Belinda ha dovuto aprire partita IVA, assumere personale, pagare qualcuno che si occupasse del sito dell’azienda di bigiotteria.

La piccola impresa di Belinda ha beneficiato di quello che viene oggi definito “The Kate effect”, ossia quando Kate Middleton indossa un paio di scarpe o un abito, le vendite crescono a dismisura! La futura regina d’Inghilterra ha indossato orecchini di perle falsi dimostrando che per avere stile non bisogna disporre di un grande portafoglio.  Kate insegna che si può abbinare benissimo un abito di Topshop con delle scarpe Prada e orecchini di perle false.  Belinda ha dichiarato:

‘ Queste sono certamente le persone che ammiro . . . e la duchessa di Cambridge è la santa patrona di questo messaggio ‘

belinda hadden

Certo Kate Middleton indossa anche orecchini da 2900£ come quelli di Kiki McDonough che ha indossato in varie occasioni ma che si possono comunque acquistare delle copie meno costose online.

Belinda ha ricevuto i complimenti di altri suoi concorrenti che si augurano che un giorno la principessa Kate indossi una delle loro creazioni. Addirittura un venditore di stampelle ha scritto a Belinda che si augura che la principessa Kate si rompi una gamba, così magari comincerà a vendere tante belle stampelle colorate.

Dopo 20 anni di lavoro è arrivato il colpo di fortuna per questa azienda iniziata sul tavolo di una cucina.

La moda dei gioielli falsi

La moda dei gioielli falsi nasce negli anni 30 quando la gente cominciava ad andare in crociera e lasciava i gioielli veri in banca, quelli falsi li portava a bordo.  Al giorno d’oggi con i furti, la gente comincia a vedere il falso come un acquisto intelligente.

Una cliente di Belinda le ha detto che quando i ladri sono entrati in casa sua hanno ignorato computer e televisori per portar via i gioielli di Belinda che valevano solo 76£.

Kate Middleton – Copia lo stile di Kate – il blog italiano di Kate Middleton

loading...
0 comment

Leave a Reply